Come diventare maker?: 10 Strumenti fondamentali

25 Aprile 2020

Scroll

spencer-lbqLxgvLt0U-unsplash

Come diventare maker?: 10 Strumenti fondamentali

Perché diventare maker?

Perché diventare maker vuol dire essere un artigiano del digitale, saper creare soluzioni creative a basso costo integrando della interattività e fare in modo che gli oggetti siano in grado di interagire con te, altri oggetti e con il resto del mondo.

Diventare Maker ti dà una marcia in più per risolvere problemi e inventare soluzioni creative poiché il DIY(do it yourself) del tecno-artigiano è il triathlon dell’interazione, perché consiste nel creare risposte a bisogni grazie all’informatica, all’elettronica e al design.


Chi è il Maker?

Il Maker è sostanzialmente un creativo, un progettista dell’esperienza utente ma anche un risolutore di problemi e artigiano, che gioca con elettronica open source e assembla oggetti unendoli in modo artigianale per creare interattività.

come diventare maker in un fablab

Come diventare maker?

Diventare maker è abbastanza semplice, acquistando gli opportuni materiali e procurandoti gli strumenti di lavoro adatti.

Non esiste una scuola ufficiale per diventare un digital maker, chi decide di diventarlo abbraccia la filosofia del movimento makers basata sul creative commons, ovvero le creazione condivise.

Infatti chiunque con minimo di conoscenza tecnica può diventare Maker, acquisendo competenze grazie alla comunità di hobbisti che orbitano nei forum e negli spazi di condivisione per la creazione artigianale digitale, i cosiddetti FabLab.

come diventare un maker in fablab

Da dove iniziare per diventare un maker?

Hai tre strade per diventare Maker:

  1. Iniziando da autodidatta, comprando uno starter kit per iniziare a comprendere le basi di questa vocazione creativa;
  2. Frequentando circoli dedicati ai makers come i FabLab o in fiere dedicate apposite come la make fair in cui puoi iniziare ad approcciarti a questo mondo;
  3. Seguendo un corso online, o in qualche ente di formazione della tua regione, nel mio caso ho imparato l’arte maker durante gli studi all’ITS ICT Piemonte di Torino;

Quali sono i 10 strumenti fondamentali del maker?

Ecco quali sono i 10 strumenti fondamentali che devi avere per diventare un maker:

STARTER KIT ARDUINO – Arduino è una piattaforma di prototipazione elettronica open-source tutta Italiana, creata da Massimo Banzi ad Ivrea. Questo kit è abbastanza completo, all’interno trovi un micro-controllore arduino, diversi componenti elettronici, una breadboard su cui montare i circuiti, dei motori a corrente continua, un servo motore, un display. Potrebbe essere abbastanza costosa, e comunque sul mercato ci sono versioni clonate a buon prezzo, ma per iniziare meglio l’originale.
I SENSORI – Chiamati volgarmente sensori, i trasduttori sono componenti elettronici che permettono di convertire una grandezza fisica come la luce, il suono, l’umidità o altro in segnali elettrici, affinché l’Arduino o altra scheda elettronica sia in grado d’interpretarli. Con questi componenti puoi estendere le funzionalità delle tue invenzioni per creare ad esempio una stazione meteo, un rilevatore di gas, una sveglia orologio, un impianto d’irrigazione, spazio alla fantasia. In questo caso ho acquistato la versione di Elegoo, abbastanza economica e va bene per iniziare.
I CAVI JUMPER – Questi cavetti sono fondamentali per i collegamenti dei componenti elettronici montati sulla breadboard, altrimenti non sarebbe possibile cablare e assemblare il circuito.
BREADBOARD – Queste basette di test di permettono di assemblare versioni di prova dei tuoi progetti Arduino e disporre di spazio per posizionare i componenti per poter estendere le funzionalità del tuo progetto prima di montare e saldare la versione finale della tua creazione dal Maker 😉
IL MULTIMETRO – Un misuratore di voltaggio e di corrente, è possibile anche misurare il valore delle resistenze e il funzionamento dei transistor. Fondamentale per capire se il circuito e collegato e alimentato correttamente;
LE PCB – Sono piastre di saldatura per circuiti elettronici, su cui saldare i componenti, dopo aver realizzato e testato il vostro progetto sulle breadboard.
KIT DI SALDATURA – Il Maker una volta aver pensato, creato e realizzato il suo progetto di tecno artigianato, dovrà anche fare ricorso alle sue abilità manuali dedicandosi alla saldatura di tutti i componenti elettronici. Ecco allora saldatore, stagno, succhia-stagno e pinze.
LA TERZA MANO – Il Saldatore brucia, perciò una terza mano è sempre gradita per pinzare i pezzi sulla piastra di saldatura del circuito. Ti sarà molto utile 😉
LA STAMPANTE 3D – Magari un giorno quando avrai maturato esperienza nel mondo maker, potrai fare un pensierino ad acquistare un modellino di stampante 3d per produrre oggetti dal design non convenzionale, senza doverti recare al FabLab per creare i tuoi pezzi di artigianato digitale. Conto anche io un giorno di dotarmi di questo giocattolino per le mie esigenze da creativo, quando mi specializzerò sul design. Per ora mi concentro sulla parte software e hardware.
STAMPANTE TAGLIO LASER – Prossimo investimento utile quando diventerai un super maker, una piccola stampante al taglio laser per creare incisioni sul legno ad alta precisione e stampare i tuoi disegni sia geometrici che artistici su una superficie non cartacea.

Il tuo FabLab fai-da-te

Ora sai cosa ti serve acquistare per intraprendere la tua vocazione di aspirante Maker, e diventare il prossimo Steve Jobs partorendo le tue fantastiche idee nel tuo garage o in cameretta in stile McGyver.

Nel frattempo che attendi l’arrivo dei tuoi ordini su Amazon o dal tuo rivenditore di fiducia, inizia a scaricare i programmi utili allo scopo, tra cui Arduino IDE per programmare le schede elettroniche e Fritzing per leggere e creare i prototipi elettronici da condividere con la community.

DOWNLOAD ARDUINO IDE

DOWNLOAD FRITZING

Do you like the Article?


Prev Post
Next Post
Copied!