La lingua non si studia, si vive!

27 Novembre 2019

Scroll

vietnam-tourism-1691599_1920

La lingua non si studia, si vive!

Come i bambini diventano poliglotti?

Durante il periodo dell’accademia, passavo quelle poche ore di studio di lingua straniera, ad ascoltare il professore e imparare a memoria regole di grammatica.

Tuttavia un Ninja ha necessità durante i suoi viaggi, di riuscire a parlare una lingua come fosse uno degli abitanti del villaggio in cui si trova.

Usare lo stesso accento e parlare in modo fluente, come fosse una persona del posto, in maniera tale da non farsi scoprire.

Per anni ci hanno insegnato noiose regole di grammatica, con un vocabolario limitato e poco utile nella vita di tutti i giorni.

In qualunque corso di lingua in cui studierete, partirete sempre dalla grammatica, poi ti insegnano a scrivere, a ripetere alcune frasi ma quasi mai ad ascoltare.

Chi ha avuto la fortuna di essere discepolo di un bravo Sensei o insegnante madrelingua, forse è riuscito a padroneggiare più lingue con buona facilità.

Serve imparare tonnellate di grammatica, quando in realtà le vere competenze linguiste sono “Ascoltare” e “Parlare“?

Leggere e scrivere” come si vuol dire, rappresentano solo le ultime fasi dell’apprendimento di una lingua, quando si è bambini.

Infatti la prima cosa che s’impara quando si nasce è “ascoltare“, poi si contestualizza la lingua, ovvero s’indovina i significati delle parole udite dai nostri genitori.

Quando indoviniamo l’uso di quelle parole, allora da neonati, incominciamo a ripeterle, o anzi a farfugliarle.

Questa tecnica si chiama “Shadowing” o inseguire le parole, ripetere le parole, o frasi di lingue diverse come unica lingua.

Da qui si sviluppa quello che sarà una solo lingua unica, e nel tempo il bambino imparerà a separare come vocabolari diversi, divenendo bilingue, trilingue o poliglotta.

Solo diversi anni dopo, studiando a scuola, imparerà la grammatica, a leggere e scrivere.

Quindi come migliorare la capacità di esprimersi in lingue diverse dalla nostra?

Imparare la lingua è un processo di assimilazione, cioè impari da cosa ti circonda.

Che cos’è il Metodo Assimil? – L’antenato di Duolinguo

Per tornare ad apprendere una lingua straniera perciò bisogna regredire a essere bambini.

Fu così che quando avevo diciasette anni, comprai un Corso Assimil, un metodo di studio linguistico che ti permette d’imparare frasi con l‘assimilazione intuitiva.

Confezione Assimil corso di Francese preso dal sito ufficiale
CONFEZIONE CORSO FRANCESE
preso dal sito ufficiale

Per informazioni vai al sito Assimil

Questo corso mi tornò molto utile quando dovetti studiare per il corso del PET Cambridge per l’esame d’inglese (non questo libro di francese!)

Consiglio questo corso cartaceo incluso di CD, questo è molto importante, a tutti le persone desiderose di crearsi una base linguistica di partenza.

Inizialmente potreste sentirvi imbarazzati, perché se siete adulti, vi sembrerà di tornare bambini, ma è proprio quello lo scopo 🙂

Ripetendo le frasi dopo la cinquantesima unità del corso, consoliderete nella vostra testa, un frasario d’emergenza che vi permetterà di assorbire la nuova lingua.

Ovviamente servirà costanza e pazienza, ma con il tempo imparate a destreggiarvi con questo strumento suggerito dallo Shinobi.

Buon allenamento e alla prossima missione 😉

Do you like the Article?


Prev Post
Next Post
Copied!