Vita in Ostello

18 Dicembre 2019

Scroll

vita di ostello all'aperto

Vita in Ostello

This page is also available in English English

Perché secondo me la vita in Ostello è divertente?

Quando lo propongo ai miei amici, ricevo sempre facce di disappunto, però prima di fare l’Interrail e come ha cambiato il mio modo di viaggiare, anche io avevo pregiudizi.

Il viaggio aiuta proprio a questo, a superare sia i limiti mentali e fisici, e ti insegna ad adattarti alle circostanze, così come fa uno Shinobi in missione.

Prima di considerare l’idea di condividere i miei spazi personali con sconosciuti, per me era un’abitudine prenotarmi la stanza d’hotel, o meglio una casa tutta per me su AirBnb.

Poi alla fine, per questioni di economicità e in pieno spirito Interrail, mi dovetti adeguare per ottimizzare i costi del viaggio.

Devo dire che come esperienza, la vita in ostello abbinato al viaggio in treno, mi è tornata molto utile quando ho deciso di vivere a Malta durante il mio tirocinio.


Come la vita dell’Ostello mi ha aperto un mondo?

La vita in ostello, mi ha fatto scoprire il piacere di socializzare con persone da tutto il mondo.

La concentrazione di persone di ogni dove penso sia la più alta, rispetto ad altre forme di soggiorno.

L’Ostello rappresenta un microcosmo a sé, e non ha nulla di molto diverso rispetto ad un hotel.

Ha una reception, ci sono i bagni con le docce, esistono anche le stanze singole o per le coppie, la lavanderia, il bar e la cucina se desiderate mangiare.

L’unica differenza rispetto a un hotel, riguarda il fatto di avere alcuni servizi ridotti.

Se siete dei viaggiatori non vi importerà di vedere la TV o di non avere il frigobar in camera.

Quello che ho apprezzato molto dell’ostello, è la sua vita culturale.

A seconda dell’ostello potrete disporre di attività per socializzare e conoscere la città.


Usanze tipiche dell’Ostello

L’ostello è un piccolo mondo a sé, fatto di usanze particolari per socializzare con gli ospiti durante il vostro soggiorno, ecco alcune delle tradizioni tipiche a molte realtà:

Il Pub Crawl – Giro serale tra i locali

Andare a bere birra in giro per i locali insieme ad amici e ospiti
Tour nei pub con la comitiva d’Ostello

Quando entrerete per la prima volta in ostello, se non l’avete già fatto, tra le usanze tipiche c’è il Pub Crawl, ovvero il tour notturno tra i locali e birrerie.

Un’usanza comune a molti ostelli, perché in genere tra giovani si socializza meglio e senza freni inibitori si riesce meglio 😉

In genere queste attività vengono organizzate sul momento, durante la sera un addetto della struttura od organizzatore, passa a chiedere le presenze degli interessati.

Potrebbe essere richiesta una piccola quota di partecipazione oppure essere gratis.

In genere è riportato un avviso in reception con le date e luogo dell’incontro, oppure si parte in comitiva dall’ostello stesso.


Il walking tour – scoperta della città a piedi con comitiva

Palazzo Reale di Vienna per una passeggiata a piedi della città
Palazzo Reale di Vienna

Nelle opportunità offerte da un ostello c’è la possibilità di partecipare in visite guidate a piedi per la città, grazie a una guida locale messa a disposizione dallo staff.

Queste visite sono gratuite, se la guida riuscirà a intrattenervi sarà una gita interessante.

Diversamente assisterete a un fuggi fuggi generale dei partecipanti a ogni attrazione.

Fu divertente assistere a questa scena durante la mia visita a Vienna nel mio viaggio Interrail.


Il bike tour o noleggio biciclette

Servizio di noleggio bici dell'ostello
Noleggio biciclette a discrezione dell’ostello

Alcuni ostelli offrono il noleggio bici se desiderate visitare la città pedalando, per mezza giornata o tutto il giorno.

Addirittura alcuni offrono la possibilità, dietro pagamento di quota di partecipazione, di visita guidata sempre in bici.

Usufrui di questa occasione, quando visitai Praga durante il mio viaggio in treno.


I Giochi da Tavolo o Serate Quiz

giochi da tavolo in ostello
Nei piccoli ostelli è tradizione organizzare giochi da tavolo

Da quando viaggio all’estero, ho visto diversi giochi strani, e quello a cui ho giocato spesso è Dixit.

Questo gioco di carte, è basato su immagini fantasy, in cui devi cercare d’indovinare delle parole, ma vengono utilizzate anche per esercizi d’introspezione.

Ogni ostello ha le sue tradizioni, e le persone possono intendere diversamente alcuni dei nostri giochi italiani utilizzando altre regole.

Bisogna vivere per capirlo, però è una curiosità da notare se avete uno spirito un pò nerd.

Poi ci sono giochi a “base alcolica” come il Beer Pong, in cui si lancia una pallina di Ping Pong cercando di fare canestro in un bicchiere vuoto per riceverne un altro di birra o la Roulette degli Shots, anche se a me non mi interessano come giochi.


Obbiezioni nel vivere in ostello

Ecco una serie di obbiezioni che mi sono sentito riportare e su cui vorrei fare chiarezza…

Come faccio a dormire se le persone si ubriacano?

Stanza d'ostello, in genere sono condivise ma sono disponibili anche stanze private

Tranquilli, non correte questo rischio, generalmente non riescono manco ad arrivare in camera vostra.

Li troverete disseminati per il corridoio a dormire, guardare serie tv su Netflix o fare video chiamate agli amici.

Comunque nel caso un paio di tappi per le orecchie farà al caso vostro, ma onestamente mai avuto problemi.

Se avessi bisogno del bagno e poi non posso utilizzarlo?

Vi suggerisco di cambiare le vostre abitudini, iniziando il vostro viaggio in tarda mattinata verso le 11 o prima delle 6, se volete prepararvi tranquillamente.

Nel mio caso, io scelgo la fascia oraria tra le 16.30 – 19.30, così poi sono pronto a fare serata.

Poi dipende sempre dal periodo dell’anno in cui prenotate, in ostello si sta solo per dormire.

Le stanze sono da otto persone di norma, ma difficilmente troverete più di quattro ospiti.

C’è il rischio di essere derubato?

Armadietti con lucchetti di sicurezza forniti dall'ostello durante il soggiorno vacanze
Armadietti con lucchetti o “Padlock”

In teoria no, però serve qualche accortezza.

Ogni stanza ha i lucchetti elettronici apribili solo tramite tessera badge, quindi è facile nel caso scoprire se qualcuno tenta un furto, ed è anche la chiave con cui aprite la vostra camera.

In alcuni ostelli però ci sono gli armadietti con il lucchetto, chiamati “Padlock”, e quelli sono a pagamento oppure a noleggio su cauzione in reception.

Vi consiglio di portare con voi il vostro lucchetto personale da utilizzare all’occorrenza.

Solo le donne delle pulizie, o cleaning ladies possono accedere alla stanza, ma tanto quando uscite dalla camera i vostri effetti personali sono con voi!

Comunque nell’evenienza, io ho l’abitudine di tenere telefono e chiavi nel beauty case quando devo utilizzare il bagno.

Non utilizzate mai gli armadietti negli spazi comuni presenti nella sala d’attesa.

Se vado via a metà giornata devo per forza pagare il giorno di supplemento?

No, ogni ostello dispone di un deposito bagagli gratuito, chiamato anche “Cloakroom” o “Luggage Room”, dove potete tenere i vostri bagagli nell’attesa in cui vi sia assegnata la stanza o nel caso doveste aspettare l’aereo per tornare a casa.

L’ostello è sporco?

Dipende sempre dove prenotate, per questo bisogna leggere le recensioni, ma sinceramente niente d’insormontabile.

Negli ostelli le lenzuola vengono cambiate giornalmente od ogni tre giorni se c’è ricambio infrasettimanale.

In alcuni posti, troverete attaccato allo specchio del bagno, anche l’orario in cui è passato l’addetto per la pulizia dei sanitari, con rifornimento di sapone e carta igienica.

Inoltre buona parte di questi ostelli forniscono asciugamani senza per forza portarveli da casa nella maggioranza dei casi.

Magari gli spazi comuni potrebbero non essere al top, ma li sta a un pò a buon senso!


Che il viaggio abbia inizio…

Dissipati i dubbi macroscopici, spero di avervi incuriosito e siate aperti a provare la vita in ostello per il vostro prossimo viaggio.

L’esperienza derivante dal soggiornare in ostello, vi darà un nuovo punto di vista, e poi è un ottimo modo per migliore l’inglese.

Rimane un buon punto di riferimento quando arriverete in un nuovo luogo in cui non conoscete nessuno.

Alle volte mi è capitato di sentirmi all’estero soggiornando in un ostello di la Spezia pur essendo in Italia, ed è stata proprio una bella full immersion fai da te.

L’importante è buttarsi e provarci almeno una volta.

Buon divertimento e Buon Viaggio!

Do you like the Article?


Prev Post
Next Post
Copied!